Twitter Facebook Rss

Vini vulcanici: potenziale esplosivo

14.05.2016 · categoria: @tasting space·

Vini vulcanici: potenziale esplosivo

Enologi ed “addetti ai lavori” sono tutti d’accordo: il terreno migliore per la coltivazione della vite è quello vulcanico!
Questo suolo è più ricco di magnesio, fosforo e potassio e la differenza si percepisce immediatamente al naso e nel bicchiere con vini più sapidi e minerali.


Il terreno vulcanico, composto da finissima sabbia di origine eruttiva, è un suolo altamente permeabile e modestamente fertile dove la vite trova il suo habitat ideale. In diverse aree vulcaniche si trovano ancora viti su piede franco, non intaccate dalla fillossera, insetto mortale per la vite ma incompatibile con i terreni sabbiosi. I vini da queste piante sono migliori perché le viti sono più longeve e resistenti, con frutti più contenuti.
Se a tutto questo aggiungiamo le notevoli escursioni termiche, tipiche di molti territori vulcanici che favoriscono le componenti aromatiche del frutto, avremo tutte le carte in regola per ottenere vini di altissima qualità.


Da Nord a Sud il Belpaese vanta diverse aree DOC coltivate a vite su terreni vulcanici, dai Colli Euganei ai Lessini, per poi passare a Sovana e Pitigliano, proseguendo per Orvieto e Frascati, giungendo fino ad Ischia, Vesuvio, le Eolie e l’Etna. Per questo undici consorzi e cento cantine si sono uniti sotto un unico marchio, Volcanic Wines, per rappresentare e promuovere i vini che traggono giovamento dai suoli vulcanici della Penisola.
Il 21 e 22 Maggio oltre 60 aziende saranno presenti al Castello del Catajo di Battaglia Terme con il più grande banco d’assaggio tutto dedicato ai vini vulcanici. Per ulteriori notizie visita il sito www.vulcanei.com.

Noi anticiperemo questo importante evento
sabato 14 Maggio con una degustazione in enoteca
dove ti faremo incontrare 6 nostre aziende “vulcaniche”
con i loro vini dal “potenziale esplosivo”.


Vini vulcanici:
potenziale esplosivo

sabato 14 maggio

orari degustazione:
10.00 / 13.00 - 16.00 / 19.30

Durello metodo charmat Brut
“Brenton”
AZ. Dama del Rovere

Soave
“Terre Lunghe”
AZ. Vicentini Agostino

Orvieto classico superiore
“Poggio Calvelli”
AZ. La Carraia

Bianco del Veneto
“Salarola”
AZ. Cà Orologio

Colli Euganei rosso
“Vigna delle Roche”
AZ. Montegrande

Aglianico del Vulture
“Calice”
AZ. Donato D’Angelo


Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie