Twitter Facebook Rss

Vermentino, ed è subito estate!

05.07.2013 · categoria: @tasting space·

Vermentino, ed è subito estate!

 

La Sardegna a ruota di timone

Quando c'è maestrale le barche non escono per giorni: può soffiare 3, 7 o addirittura 9 giornate intere, così almeno dicono i marinai locali.

Spinti dalle raffiche costanti che da Nord-Ovest investono coste e porti, i velisti saggi che rinunciano alle andature di bolina si dedicano, in quei giorni, ai fornelli: certo, non prima di aver riassortito la cambusa!
Così nelle spartane ma efficienti dinettes, lupi di mare in toque e grembiule elaborano sapori invece che rotte, attingendo generosamente dall'enogastronomia locale.
A seguire un pratico spaghetto alla bottarga, di tonno o muggine a seconda dei gusti, ben mantecato con burro e pomodorini; e per finire un'insalata di polipo come si usa nell'arcipelago della Maddalena: cotto in acqua con pomodoro sedano e cipolla, eppoi servito al naturale con un filo d'olio aromatizzato al prezzemolo ed aglio.
Un dolcetto per concludere?
Le Casadinas, tortine ripiene di formaggio fresco e limone sono perfette: meno elaborate delle famose Seadas poichè facilmente reperibili in qualsiasi panificio o pasticceria dell'isola!
Vermentino c/o Gallura
Il Vermentino è originario della Spagna e poi diffuso sulle coste tirreniche settentrionali: Francia (Languedoc-Roussillon), Liguria, Sardegna, Corsica e Toscana. In Francia è noto come Malvoisie Précoce d'Espagne o Malvoisie à gros Grains. In Lunigiana prende il nome di Vermentino Reale. In Corsica è l'uva bianca più coltivata. In Sardegna viene vendemmiato abbastanza precocemente per mentenerlo più ricco di acidità. Per molti studiosi è affine al Pigato e alla Favorita.
Da vita a vini secchi ma delicatamente morbidi, di colore giallo paglierino, con profumi intensi di stampo erbaceo che richiamano i fiori di campo e sentori fruttati in cui si riconosce la pesca gialla. Freschi e sapidi, i vini da uve Vermentino docg risultano piacevoli fin da giovani e rivelano sorprendenti capacità evolutive se degustati qualche anno dopo la vendemmia.
E' la Gallura il territorio d'elezione del Vermentino.
L'estremo nord della ventosa isola tirrenica si presta alla viticoltura con una ventina di comuni ammessi alla docg.
Microdifferenze territoriali garantiscono vini molto caratterizzati, in cui tipologia di terreno, vicinanza o lontananza dal mare, riparo o esposizione al vento fanno la netta differenza. Alle condizioni geografiche dei singoli vigneti si aggiungono poi temperamento e filosofie produttive dei viticoltori sardi che, esasperando basse produzioni e macerazioni, mettono in commercio vini che meritano di essere definiti "unici"!
I vini da uve Vermentino, ancora non del tutto rappresentati in "terraferma" giustificano pienamente un viaggio in Sardegna, magari in bassa stagione, alla scoperta delle sue numerose ed emozionanti interpretazioni.

Non potranno mancare allora le olive e il carciofo spinoso sott'olio con qualche pezzo di Fiore Sardo ad accompagnare sottilissimi dischi di pane carasau, conditi con i profumati olii dop dell'isola ed erbe aromatiche essicate al sole.

La vostra sete d'estate è, a questo punto, implacabile... ma la Sardegna non entra nelle vostre tasche??

Fate come noi: affidatevi al Vermentino, e potrete affrontare le Bocche di Bonifacio... anche a bordo una barchetta di carta!!

 


degustazione del 5 luglio 2013

Vermentino, vino di vento e di mare

"Villa Solais" 2012
Vermentino di Sardegna doc
Santadi


"Karmis" 2012
Bianco Tharros igt
Contini 

 

 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie