Twitter Facebook Rss

La stagione del Nebbiolo

09.11.2013 · categoria: @tasting space·

La stagione del Nebbiolo

Il Barolo, concretamente!

Barolo e Barbaresco, per ogni wine-lover sinonimo di eccellenza enologica: una fama prestigiosa guadagnata in oltre 150 anni di ottimi vini che colloca il Piemonte tra i territori più importanti del mondo.

Vitigno "unico" poichè autoctono e coltivato quasi esclusivamente nelle regioni più occidentali d'Italia, il Nebbiolo è protagonista di un'enologia, quella piemontese, che differisce da tutto il resto della nazione.

Rarissimo trovare vini d'uvaggio, in Piemonte (mentre in tutte le altre regioni abbondano...), dove i nebbioli in purezza devono il successo ai vigneti da cui provengono le uve: una suddivisione in cru esistente fin dai primi dell'ottocento, così precisa e consolidata da non avere eguali in Italia, come testimonia il fatto che i nomi dei vini identificano da sempre le 2 aree di produzione.

Tutt'altro che omogenee, le caratteristiche dei terroirs che compongono zone e sottozone segnano profondamente la personalità dei vini, ulteriormente influenzata dalle peculiarità trasferite al vino da ogni singolo cru.

Per quanta buona volontà e capacità lessicale si vogliano dimostrare, spiegare tutte le sfumature dei vini da uve Nebbiolo è praticamente (...e fortunatamente...) impossibile, ma per inquadrare la faccenda molto utili possono rivelarsi alcune informazioni geografiche .

Barolo, Castiglione Falletto, La Morra, Serralunga d'Alba e Monforte d'Alba sono alcuni dei comuni (e le principali sottozone) del Nebbiolo da Barolo: si rivelano più facili, fruttati e morbidi i vini prodotti nei vigneti del comune di Barolo e La Morra, nervosi e vibranti i nebbioli degli altri comuni, in cui i suoli sono meno compatti e meno fertili.
Barbaresco, Treiso e Neive le sottozone più note di Barbaresco: rappresentativi della tipologia i vini di Treiso e Barbaresco, un poco "baroleggianti" quelli prodotti nel comune di Neive.

Altre importanti indicazioni le offrono la genetica del vitigno e dei suoli.

Ama le nebbie, il Nebbiolo... o quantomeno le conosce bene, visto che matura ad ottobre inoltrato, quando la nebbia rende unico il paesaggio delle Langhe; a questa peculiarità varietale ma soprattutto alla natura dei terreni si deve la grandezza dei vini da Nebbiolo.
Sedimenti calcarei e marne, di cui sono fatti i "bric" (così si chiamano le colline dai 200m in su) che ospitano, soprattutto sui versanti assolati a sud sud-ovest, i vigneti dei cru più famosi: Bussia, Cerequio, Rocche, Brunate a Barolo e Rabajà, Asili, Montestefano a Barbaresco.

Alte acidità e tannini evidenti, eppure fini, sono il marchio inconfondibile dei Nebbioli da Barolo e Barbaresco che, sebbene molto simili, si esprimono con notevoli differenze.
Nervosi e molto tannici i Baroli, fruttati e floreali (di violetta) sono capaci di evoluzioni terziarie raffinatissime, che insieme alle tipiche note di frutta regalano sentori di fiori passiti ed intriganti profumi di terra, funghi e catrame.
Il Barbaresco risulta più gentile fin da giovane, ma ha egual potenzialità di evoluzione dei Baroli, come produttori del calibro di Angelo Gaja e Bruno Giacosa hanno saputo dimostrare a suon di vini ormai diventati "mitici".

Al di fuori delle Langhe il Nebbiolo domina la scena enologica di territori dalle grandi potenzialità come Carema, Ghemme, Gattinara, in cui il Nebbiolo si unisce ad altri vitigni locali senza mai perdere il tipico profumo di viola.
I Nebbioli della riva destra del Tanaro, nel Roero, si rivelano più docili dei grandi esponenti delle Langhe, ma la stoffa raffinata del vitigno non delude i suoi estimatori.

Certi che queste nozioni sapranno darvi ben poca soddisfazione, vi invitiamo vivamente a degustare: solo così l'eccellenza enologica rappresentata dai nomi "Barolo" e "Barbaresco" smetterà di essere un'espressione astratta!

 


degustazione del 9 novembre 2013

PRODUTTORI DEL BARBARESCO

Barbaresco
Nebbiolo 2011

CASCINA CHICCO

Canale
Nebbiolo Riserva
2009
"Valmaggiore"

PIRA

Serralunga d'Alba
Barolo 2009

con:
Bra stagionato

 

 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie