Twitter Facebook Rss

Il gusto dell'estate è made-in-Liguria

29.07.2013 · categoria: @tasting space·

Il gusto dell'estate è made-in-Liguria

I must enogastronomici dell'estate

Caprese di mozzarella, Pasta al Pesto e Vitello Tonnato: piatti golosi e freschi che rappresentano i desideri alimentari estivi di un gran numero di italiani, se si trascurano insalate e macedonie, poichè troppo difficili da abbinare con il vino.
Sì perché d'estate, incurante delle alte temperature che la caratterizzano, l'edonismo raggiunge il proprio massimo, specialmente per gli appassionati di eno-gastronomia: ogni pasto è buono per curare la scelta degli ingredienti e la loro cottura secondo ricette precise, nonché per gustare il piatto in tutta calma accompagnandolo dal vino giusto!
Certo, non è che in vacanza ci si trasformi d'amblé in esperti chef de rang, ma passione e spensieratezza fanno sì che anche una "semplice" pasta con il pesto genovese possa trasformarsi in una esperienza gustativa di tutto rispetto!
Trovare il vino giusto... e qualche suggerimento per la ricetta!
Il panorama enologico italiano propone moltissimi candidati all'abbinamento, ma quando l'imbarazzo della scelta ci mette in difficoltà, è buona norma procedere secondo il criterio della regionalità: a ricetta ligure diamo un vino ligure, dunque!
Divisa in 2 strisce arcuate e sottili, una a precipizio sul mare e l'altra a ridosso delle montagne, la Liguria mantiene tale originale convivenza anche nella produzione vinicola; i vini coltivati sui terrazzamenti costieri sono caratterizzati da salinità e intensità olfattiva sconosciute ai vini dell'entroterra.
Andando da Imperia verso Savona, nel cuore della DOC Riviera di Ponente, si incontrano i vigneti della piana di Albenga, regno del vitigno Pigato.
Coltivato dai 300 m slm sulle colline impervie e scoscese rivolte al mare, gode dei benefici delle brezze e del sole, mentre l'escursione termica notturna gli garantisce una straordinaria complessità olfattiva. Originario della Grecia e portato in patria dai Genovesi dalle proprie colonie nel mar Egeo, si ha prova certa della sua coltivazione fin dal 1830, sebbene ill vino omonimo venga commercializzato solo dal 1950.
Generalmente color giallo paglierino, è caratterizzato al naso in modo inconfondibile da intensi profumi di macchia mediterranea e pesca gialla, mentre in bocca convince per il sapore, costituito da un'unione armonica di sapidità, struttura e freschezza. Da bere in giovane età, può riservare interessanti sorprese se proposto dopo qualche anno, (massimo 3): bottiglie in cui i sentori balsamici vi lasceranno senza parole!
Potremmo copia incollare qui una rivisitazione del mitico Vissani o la ricetta più antica, quella che prevede l'aggiunta di patate e fagiolini alle classiche trofie.
Preferiamo, invece, darvi la nostra versione del fatto, evitandovi la faticca di passare ore ed ore tra mortaio e pestello.
C'è Rossi 1947, gastronomia di Genova, che produce un pesto secondo la ricetta originale e lo commercializza fresco: lo trovate nella nostra vetrina frigo!
Nel reparto conserve invece troverete i pomodorini semidried di De Carlo essicati al sole e messi sott'olio: dolcissimi e profumatissismi...
Per finire tra le paste troverete le trofiette della linea "I Velieri" di Rossi 1947 (gli stessi del pesto): il formato migliore per una pasta al pesto genovese... come si deve!
E' il gusto dell'estate!!

Prima cosa indispensabile a questo fine?

Svolgendo a priori l'analisi gustativa del piatto, potremo scoprire che si tratterà di una preparazione di media struttura, in cui prevarrà l'aspetto aromatico del pesto e la sapidità del parmigiano, presenterà lieve untuosità, una leggera nota amara finale e lunga persistenza in bocca.

Ed ora veniamo alla ricetta!

Mentre si cuoce la pasta fate "schioppettare" i pomodorini in una padella insieme ad uno spicchio di aglio intero, che prima di saltare la pasta eliminerete; aggiungete il pesto ed amalgamate. Scolate le trofie e saltatele insieme al condimento.

Aprite una bottiglia di riviera di Ponente Pigato e assaporate.

 


degustazione del 26 luglio 2013

Cantina Sancio, Spotorno

 

Pigato 2012
Riviera di Ponente doc
Pigato 

 

 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie