Twitter Facebook Rss

Eccellenze tra Abruzzo e Basilicata

15.01.2015 · categoria: @tasting space·

Eccellenze tra Abruzzo e Basilicata

Donato D'ANGELO e Gregorio ROTOLO: la tipicità fatta vino, e formaggio

AGLIANICO, IL BAROLO DEL SUD

Di antichissima origine, coltivato al sud fin dal VII-VI secolo avanti Cristo, con i suoi acini medio-piccoli, sodi, dalla buccia molto pruinosa e scura, l'Aglianico è, a detta degli esperti, uno dei vitigni più interessanti d'Italia. Amante del clima caldo e delle terre vulcaniche, la vite cara ad Orazio conta 1500 ettari iscritti nell'area più vocata, il Vulture, per una produzione complessiva di 2 milioni e mezzo di bottiglie vinificate da circa 40 produttori dislocati nei 16 comuni della denominazione. Il vino ottenuto dal vitigno Aglianico coltivate ai piedi del Monte Vulture, ex vulcano dalle fertili pendici, si chiama Aglianico del Vulture e, questo è certo, è un vino di struttura, intenso ed un poco austero nel carattere, ma longevo e capace, nel tempo, di rivelare note di sorprendente eleganza! Per la nostra enoteca l'Aglianico di riferimento ha un sinonimo: si chiama Donato D'Angelo e a Rionero del Vulture (e non solo) è un'istituzione! I suoi vini sono presi ad esempio da chiunque voglia avere le idee chiare sull'Aglianico, o semplicemente, degustare vini ottimi, ad alto indice di tipicità!

Se siete tra questi, il 15 novembre non potete mancare!

GREGORIO ROTOLO, CIOE' "IL" FORMAGGIO!

Domina, Gregorio, i verdi pascoli della valle Scannese, nel Parco Nazionale d'Abbruzzo... per autorevolezza, più che per la mole! In località Le Prata, nei 15 ettari di proprietà, le sue pecore brucano pazienti l'erba che diventerà, grazie all'esperienza di 50 anni di vita tra pascoli e latteria, prima latte e poi formaggio "vero"! I prodotti di Gregorio Rotolo sono tutti a latte crudo, senza aggiunta di fermenti selezionati, cagliati con esperienza e secondo un preciso gusto personale per i sapori autentici. Così le 15 varietà di formaggio, dal “caciocavallo barricato”, messo ad affinare in barriques di rovere in presenza di vino e ricoperto di crusca per mantenere la giusta umidità, alla “ricotta scorza nera”, affinata con il carbone, al “gregoriano-pecorino” tenero, atipico, morbido e dal sapore molto intenso, sono universalmente considerati dei capolavori dell'arte casearia italiana! Non occorre essere grandi intenditori per riconoscere la straordinaria qualità del cacio di Gregorio: vi renderete conto già dal profumo di non aver mai mangiato un formaggio simile!!


15 novembre

DONATO D'ANGELO

- Basilicata Bianco 2013 - Fiano 100%

- "Calice" 2011 - Aglianico del Vulture 100%

- "Donato D'Angelo" 2009 - Aglianico del Vulture 100%

- "Balconara" 2009 - Aglianico del Vulture 50% e Cabernet Sauvignon 50%

GREGORIO ROTOLO

- "Trittico" - formaggio di vacca, pecora e capra a latte crudo

- "Caciocavallo Barricato" - formaggio di vacca a latte crudo stagionato 6 mesi e affinato in barriques di rovere

- Pecorino Classico Semistagionato - formaggio di latte di pecora stagionato 1 anno

- Pecorino Classico Stagionato - formaggio di latte di pecora stagionato 2 anni

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie