Twitter Facebook Rss

Contini, l’alfiere della Vernaccia di Oristano

12.03.2016 · categoria: @tasting space · Commenti (0) ·

Contini, l’alfiere della Vernaccia di Oristano

Nomini Contini e pensi subito alla Vernaccia di Oristano.
Siamo nella Sardegna centro-occidentale,  nella penisola del Sinis, esattamente a Cabras, non lontani dal sito archeologico di “Sa Osa” dove sono stati rinvenuti semi d’uva risalenti al 2000 a.C., la più antica testimonianza della coltura della vite nell’isola.

La Vernaccia è un vitigno antico come la terra in cui nasce, tanto è vero che il suo aroma tipico, quando particolarmente intenso, viene definito “murruai”, termine dialettale che deriva da “vinum murratus” poiché i romani amavano profumare le botti con la mirra.
Dal 1898 tutte le generazioni dei Contini che si sono succedute hanno creduto nel valore e nella singolarità della Vernaccia facendola diventare la punta di diamante dell’azienda.
La particolarità di questo vino è riconducibile alla propria indomabile natura: pur essendo la sua produzione regolamentata dalla DOC del 1971, resta uno dei più indisciplinati vini al mondo.
Indisciplinato perché viene meno alle regole enologiche moderne, perché ha bisogno di un ambiente di cantina diametralmente opposto rispetto agli altri vini, perché ha bisogno di tempi di attesa che l’uomo moderno non è più capace di permettersi.

Risiede nel lievito il segreto della Vernaccia di Oristano: dopo la spremitura e la fermentazione il mosto  viene messo a maturare in botti di castagno riempite per tre quarti in cantine calde e ventilate. In queste condizioni, per la presenza di ossigeno, si forma un velo di lieviti sulla superficie, il famoso “flor”, che con il tempo diventa sempre più spesso e pesante fino a precipitare sul fondo della botte.

Questo processo può durare una decina d’anni e favorisce la complessità aromatica della Vernaccia: secca ed asciutta in bocca, con profumi complessi che spaziano dalla frutta secca, al miele fino a sensazioni minerali perfino terrose. Grande vino da meditazione, quindi, ma non per questo disdegna di accompagnare egregiamente formaggi stagionati come il Fiore Sardo o un piatto di spaghetti alla bottarga.
 Contini non è solo sinonimo di Vernaccia di Oristano, ma portabandiera di altri grandi autoctoni come Vermentino, Cannonau e Nieddera che identificano bene l’isola e possono traghettare il vino sardo nei mercati di tutto il mondo.

Ti aspettiamo in enoteca sabato 12 Marzo per degustare assieme i vini sardi dell’azienda Contini accompagnati da alcune specialità dell’isola.


Contini,
l'alfiere della Vernaccia
di Oristano!


sabato 12 marzo

orari degustazione:
10.00 / 13.00 - 16.00 / 19.30

Vernaccia di Oristano

Vermentino di Gallura
“Elibaria”

Karmis

Nieddera

Cannonau di Sardegna
“Sartiglia”

Cannonau di Sardegna
riserva “Inu”

In abbinamento con:

Fiore Sardo DOP

S’Aranzada

Dolci di pasta di mandorle


Scrivi un commento

I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.


If you have trouble reading the code, click on the code itself to generate a new random code.
Security Code:
 
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie