Twitter Facebook Rss

La pasqua vien mangiando!!

31.03.2012 · categoria: Buoni affari · Commenti (6) ·

La pasqua vien mangiando!!

Natale è passato da un pezzo, e con esso è svanito ogni ricordo di cenoni ...e panettoni.

"L'Epifania ogni festa porta via", si dice, ma è solo un detto popolare, perchè dalla domenica ad essa successiva ha inizio il carnevale, e come rinunciare a crostoli e frittelle, massima espressione del fritto in pasticceria?

Al carnevale segue la Quaresima: pausa più che opportuna per ripristinare un filino di linea, se non fosse che cade in primavera... stagione quanto mai inadatta per rinunciare alle primizie: e così ad un risottino alle erbette seguiranno piatti generosi di asparagi da intingere nelle uova, aspettando che arrivi il giorno di Pasqua per tornare bambini nello scartare un uovo.. questa volta di cioccolato, e concludere il pasto con una soffice fetta della tipica Colomba!

Insomma, da Natale a Pasqua è tutto un susseguirsi di pretesti gastronomici irrinunciabili!

Se il Panettone ha ormai raggiunto livelli qualitativi da competizione, visti i numerosi panel di degustazione organizzati da estimatori e gourmet, la Colomba ha tutte le carte in regola per non essere da meno.

Il Panettone nasce alla corte di Ludovico il Moro, e per non essere da meno la Colomba ci ha prova a farsi dare i natali dal re longobardo Alboino, ma senza riuscire a convincere gli storici: il mistero delle origini del fragrante dolce pasquale si svela in piena atmosfera decò!

Nei primi anni del 1900, infatti, nel piccolo laboratorio artigiano di via Chiusa a Milano, Angelo Motta sforna il proprio panettone mettendo così inconsapevolmente le basi per affermare l'omonimo marchio, oggi è proprietà di Nestlè per la produzione di gelati e del gruppo Bauli per il settore dolciario.
Pare che fosse il 1930 quando Dino Villani, direttore della pubblicità dell'azienda, ebbe l'idea di sfruttare i macchinari aziendali per produrre un dolce molto simile al panettone da commercializzare in occasione delle festività pasquali.

Gran buon vecchio saggio marketing: scienza inesatta con velleità creative che tanto influenza gusti e consumi della nostra società!

Oggi la Colomba è diventata tradizionale nella ricetta Motta, che la prevede impastata con farina, uova, burro, zucchero, buccia d'arancia candita e la glassatura alle mandorle,
ma molti sono i panificati pasquali sopravvissuti all'omologazione veicolata dalla pubblicità.

In lungo ed in largo, dalle Alpi alle isole, il nostro Bel-lissimo Paese regala prelibatezze dall'inconfondibile gusto italiano:
dall'inflazionata Torta Pasqualina alla Treccia pugliese che ospita in cottura un uovo col guscio, alla profumatissima Pastiera Napoletana e il più rustico Casatiello Napoletano, da mangiare con fave e salame, per poi spostarci in Calabria ad assaporare i dolci Cuculi di Pasqua o a Trieste, per una fettina di Pinza Triestina... con sosta a metà strada per non far torto alla Toscana e alla senese Schiacciata Pasquale.

All'elenco ne manca una: la nostra veneta Fugassa, alter-ego pasquale del pandoro e oggetto di un paio di interessanti interpretazioni da parte di alcuni autorevoli artigiani veneti.

Dobbiamo scendere in particolari??
Ed allora ecco qui una rapida descrizione dei dolci pasquali, Fugassa compresa, e relativi autori selezionati dopo anni di assaggi e disponibili per i vostri acquisti nella nostra enoteca.

colomba

 

 

La Colomba e la Focaccia di Perbellini

Dalla rinomata pasticceria di Bovolone arrivano i due classici prodotti pasquali, impastati in chiave raffinata eppure gustosa grazie ad un maestrale utilizzo del burro.
Alimento, quest'ultimo, che contraddistingue i prodotti della "Rinomata Offelleria in Bovolone", insieme alla pasta finemente lievitata.
Nella colomba si nota l'assenza di canditi così come nella focaccia è apprezzabile la presenza delicata della vaniglia.
Entrambe, inoltre, si presentano molto bene grazie alla scatola che le contiene.

focaccia e colomba di Perbellini

Colomba senza canditi gr.750 €15,50
Focaccia gr.750 €15,50

 

La Colomba di Lenti

La "Pregiata Forneria Lenti" è un forno di Grottaglie, in Puglia. La filosofia produttiva di Emanuele e Antonella Lenti è semplice ma non per questo scontata: ottenere genuinità attraverso l'attenta selezione delle materie prime, la lievitazione naturale e la cottura nel forno a legna.
La colomba, ricca di canditi e ricoperta da tante buonissime mandorle, è la sintesi della fragranza dei dolci caserecci. Di pasta molto morbida, profumatissima, ben cotta come si può notare dal bel colore della crosta, è uno dei prodotti artigianali qualitativamente più gradevoli reperibili sul mercato.
Viene venduta in una scatole di cartone verde, bella da ricevere in regalo!!

colomba Forno Lenti

Colomba classica gr.1000 € 25,50

 

La Colomba de "I dolci di Giotto"

Confezionata nel laboratorio di pasticceria del carcere di Padova, la colomba di Giotto è buona ...e fa bene a tutti, anche perchè opportunamente solidale!
Una brigata di pasticceri ...in attesa di reinserimento nella società producono una colomba dallo spiccato profumo di vaniglia, abbinando un'attenta selezione delle materie prime a lunghi periodi di lievitazione, riuscendo quindi a confezionare un prodotto di buon livello, definibile artigianale nonostante il notevole numero di pezzi prodotti.
Abbiamo deciso di curare personalmente il confezionamento delle colombe, che quest'anno abbiamo avvolto in una bella carta bordò "pigolante" di teneri pulcini.

colomba i dolci di giotto

Colomba classica con canditi gr.1000 € 23,50

 

"Albicoccola" di L'Officina Ristorante

Marco Martinucci è prima di tutto un amico, poi uno chef estremamente preparato.
Nel suo ristorantino, L'Officina Ristorante, si sfornano solo manifatture culinarie: e la sua veneziana ne è la prova.
L'impasto della focaccia viene arricchito da piccoli pezzetti di albicocca disidratata che rendono l'impasto, già consistente, ancora più gustoso.
Uova selezionate e farine macinate a pietra, ma soprattutto 24 ore di lievitazione fanno de l'"Albicoccola" un dolce in cui l'artigianalità e la genuità sono evidenti, e molto buone!!
Si presenta con un semplice incarto beige e un fiocco in raffia arancione, anche questi ...hand made!!

albicoccola-offivina-ristorante

"Albicoccola", veneziana all'albicocca gr. 750 € 19,00

 



Scrivi un commento

I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.


If you have trouble reading the code, click on the code itself to generate a new random code.
Security Code:
 
Commenti da 1 a 5 di 6 | Next | Last
Gli Altri alias Pietro


6
Mea culpa
03.04.12 | ore 18:21
Ebbene si lo ammetto ho cancellato troppo in fretta le scorse newsletter Pasquali!! Non mi ero accorto dell'invito a degustare siffatta lievitazione...
Vedrò di rimediare con un passaggio, se non sabato che si spera in brezze marine, quantomeno venerdì, poichè le multinazionali della detergenza fanno festa...



5
tranqui è solo un MISANDERSTENDING
03.04.12 | ore 16:58
Ringrazio Roberta per il commento: pubblicherò a... momenti un articoletto dedicato all'abbinamento!!

e tranquillizzo tutti gli altri: non si è trattato di una degustazione per pochi eletti, ma della possibilità  di degustare i migliori prodotti pasquali, (come abbiamo debitamente avvertito tutti i nostri iscritti alla mailng list!)nel corso degli orari di apertura del negozio!!
Ecco qua:
http://us1.campaign-archive2.com/?u=1b87bef01f86599ada062568b&id=cf5c2718ea&e=85fae937fc

Chi, come il nostro Degustatore Mancato non avesse avuto la possibilità  di venirci a trovare lo scorso sabato, potrà  farlo sabato 7 aprile, vigilia di pasqua e imperdibile occasione per mettere in pratica i consigli sull'abbinamento che tra pochissimo leggerete!!!!
Degustatore mancato


4
Ormai sono stato depennato...
03.04.12 | ore 15:57
"Ho provato l'Albicoccola e la Colomba di Lenti nella vostra degustazione di sabato 31 marzo" come come?? ho letto bene? "vostra degustazione"???? Braaaavi braaaavi!!!

Bene ora attendo la risposta a roberta p. che si aggiunge alla mia richiesta (notare, avevi già  avuto 2 giorni e non uno :) ) Intanto ho letto su alcuni Blog non certo quotati come questo ma pur sempre degni di nota, che la pasta dolce lievitata (Panettone e Colomba) normalmente si abbinano a bollicine amabili (le due parole nella mia testa fanno BUM abbinate insieme...) ovvero un Asti o giù di lì.
Il casino inizia con le farciture che normalmente prevalgono, esempio cioccolato, frutta... Qui si spazia dal Recioto al Torcolato...
Ebbene con questa Albicoccola? Io ci metterei una Slivovica Ceca. Tiè, tanto per essere esotico.
Ciaooo
roberta p.


3
Consigli sull'abbinamento
03.04.12 | ore 09:25
Ho provato l'Albicoccola e la Colomba di Lenti nella vostra degustazione di sabato 31 marzo. Ho trovato entrambi i prodotti molto validi: sicuramente che non sono "industriali" si capisce istantaneamente...
Io comunque ho un debole per la colomba di Lenti: la trovo perfettamente lievitata, non troppo dolce e sofficissima... un dolce ineccepibile!!
Vorrei sapere se l'abbinamento con un Passito di Pantelleria è corretto, secondo voi.



2
dammi 1 giorno!!!
03.04.12 | ore 09:12
Impossibile prenderti in castagna eh??
...era finita la pagina....
;))
Commenti da 1 a 5 di 6 | Next | Last
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy . ×
Grazie